Case Studies Archivar Search Case Studies

Gruppo Sapio: qualità e sicurezza dei servizi web con F5 e Sinergy

Sapio ha scelto F5 per accrescere la qualità dei prodotti e dei servizi, grazie a un’architettura integrata in grado di incrementare le prestazioni, garantire la sicurezza e abbattere i costi di gestione. La nuova infrastruttura ottimizzata assicura flessibilità e controllo totale sui dati e sugli accessi alle applicazioni da parte dei clienti, in modo da scongiurare qualsiasi downtime o ritardo operativo. 

I benefici riscontrati con l’introduzione della nuova infrastruttura di F5 sono notevoli. Innanzitutto in termini di sicurezza, dato che tutti servizi esposti sono in HTTPS e sono disaccoppiati dalla rete interna grazie alla funzione Full proxy dei sistemi. Inoltre, la tecnologia F5 è riuscita ad accelerare fino a tre colte le prestazioni delle applicazioni, assicurando sempre la precedenza di quelle prioritarie Riccardo Saliero, CIO di Sapio

Business Challenges

Votato alla qualità e all'innovazione da sempre, Gruppo Sapio offre da oltre 90 anni prodotti, tecnologie e servizi in grado di migliorare la vita di tutti. Al centro dei suoi valori l'attenzione al cliente, servito attraverso la ricerca di soluzioni sempre più avanzate e personalizzate,

capaci di confermare l'eccellenza del Gruppo in ogni suo ambito di attività: dalla Sanità all'Industria Alimentare, dal settore Chimico-Farmaceutico alle Biotecnologie.

“Da sempre la qualità dei prodotti e l’eccellenza dei servizi costituiscono uno dei maggiori fiori all'occhiello di Sapio, punti di focalizzazione su cui è richiamata l'attenzione di ogni divisione aziendale, sistemi informativi compresi” – racconta Riccardo Salierno, CIO di Sapio – sottolineando come il suo team lavori a completo supporto del business e assicuri quotidianamente la protezione, l'affidabilità e l'integrità dei dati. Un’attenzione anche e soprattutto per quelli che vengono trasmessi ai fornitori e clienti e quindi pubblicati all’esterno attraverso i servizi Web (es. Portali della PA).

“Si tratta di un numero di applicazioni in crescita costante, che alle spalle necessitano di una robusta infrastruttura di Application delivery dalle opzioni di sicurezza estremamente avanzate e capace di scongiurare qualsiasi downtime o ritardo operativo” – prosegue Salierno. Tutte caratteristiche delle soluzioni F5 proposte da Sinergy, da anni Partner IT del Gruppo.

“La logica che ci guida nelle scelte è sempre stata legata al concetto di Best of breed, ossia alla possibilità di implementare il meglio che il mercato offre in ogni suo specifico segmento”

– chiarisce Salierno, precisando anche che da tempo F5 è ormai stabilmente collocato dagli analisti tra i principali leader tecnologici in ambito Application delivery e Load balancing. Le soluzioni F5,infatti, non garantiscono solo massima sicurezza, affidabilità e ottimizzazione

a tutte le applicazioni distribuite in rete, ma vanno anche a inserirsi all'interno di un'architettura integrata, in grado di incrementare le prestazioni dei servizi, abbattendone in modo significativo i costi di gestione.

La nuova infrastruttura ha dimostrato estrema flessibilità, integrandosi con tutte le applicazioni, non solo con i servizi basati su protocolli Web, ma anche con le tradizionali applicazioni client-server Riccardo Saliero, CIO di Sapio

Solution

“Le soluzioni a cui ci affidavamo per la distribuzione applicativa e il bilanciamento di carico erano ormai obsolete e come tali erano diventate costose e di difficile manutenzione. Avevamo la necessità di un cambio di passo importante, affidandoci a un unico vendor capace di garantire maggiori livelli prestazionali e una migliore razionalizzazione nella gestione delle risorse” – commenta il CIO di Sapio, alla ricerca di una soluzione che non vantasse solo primati tecnologici.

Un peso rilevante nella decisione era rivestito, infatti, dalla valutazione economica che doveva prendere in considerazione, oltre all'investimento iniziale, anche i costi infrastrutturali in termini di gestione e di manutenzione.

“Alla luce di queste considerazioni abbiamo constatato che la proposta F5 fosse vantaggiosa anche dal punto di vista economico, prospettando nel medio periodo spese di gestione decisamente contenute” – chiarisce Salierno.

Determinante nel progetto di migrazione ai nuovi sistemi F5 anche la possibilità di avvalersi di un partner competente.

“Con Sinergy collaboriamo da anni, soprattutto in ambito data center, dove siamo sempre stati supportati con grande puntualità sia dal punto vista progettuale sia tecnologico. E anche quest'ultima implementazione, particolarmente delicata in ogni sua fase operativa, ne ha riconfermato la qualità dell’approccio” – commenta il CIO di Sapio.

Considerata la complessità delle configurazioni in uso, la migrazione all'architettura F5 è stata, infatti, eseguita in modo estremamente cauto, affiancando la nuova infrastruttura a quella già esistente per trasferire le regole in modo graduale e poter ricorrere a un veloce roll back in caso di problemi. Solo dopo un'accurata fase di testing, soprattutto per assicurare il corretto bilanciamento del sistema ERP, la nuova soluzione è entrata definitivamente in uso.

Complessivamente il progetto ha richiesto due mesi dalla fase di start up al suo roll out definitivo, una tempistica imposta dalla criticità delle operazioni coinvolte, che necessitavano una verifica puntuale di ogni configurazione per evitare qualsiasi sospensione di servizio" – precisa Salierno.

Gruppo SAPIO ha adottato la piattaforma unificata di F5 BIG_IP che migliora l’agilità, la sicurezza e le prestazioni dei deployment. Nello specifico, il Gruppo ha implementato due sistemi F5 BIG_IP 2000s, dotati dei moduli LTM (Load Traffic Manager), per il bilanciamento del carico applicativo e lo svolgimento di tutte le attività Full proxy, e APM (Access Policy Manager), per l’autenticazione degli utenti tramite Strong Authentication e l’accesso Web SOO ad alcuni servizi specifici. 

Benefits

“I benefici riscontrati con l'introduzione di questa nuova infrastruttura sono stati notevoli. Innanzitutto in termini di sicurezza: tutti i servizi esposti sono, infatti, in HTTPS e sono disaccoppiati dalla rete interna grazie alla funzione Full Proxy dei sistemi. Inoltre, la tecnologia F5 è riuscita ad accelerare fino a tre volte le prestazioni delle applicazioni, assicurando sempre precedenza a quelle prioritarie” – conclude Salierno.

Un ulteriore vantaggio messo a disposizione proprio dalla tecnologia F5 riguarda l’integrazione infrastrutturale indipendentemente dalle applicazioni WEB in esercizio dal cliente.

“Infine, la nuova infrastruttura ha dimostrato estrema flessibilità, integrandosi con tutte le applicazioni, non solo con i servizi basati su protocolli Web, ma anche con le tradizionali applicazioni client-server" – puntualizza Salierno, evidenziando anche come si pensi già ad un progetto di Business Continuity e Disaster Recovery, in cui le componenti tecnologiche F5 saranno chiamate a giocare ancora una volta un ruolo decisivo.